Fandom

Grossetopedia Wiki

Scarlino Scalo

1 536pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi
Scarlino Scalo
frazione
Scarlino Scalo veduta.JPG
Veduta di Scarlino Scalo

Comune

Scarlino

Altitudine

12 m s.l.m.

Abitanti

1230 (2001)[1]

Coordinate

42°56′36″N 10°50′13″E

Codice postale

58020

Prefisso telefonico

0566

Scarlino Scalo è una frazione di Scarlino.

Geografia fisica Modifica

Situato nella piana del fiume Pecora, alle pendici del Monte d'Alma, lungo la via Aurelia e la ferrovia Tirrenica, dista circa 6 km dal centro comunale.

Storia Modifica

Scarlino Scalo si presenta come un moderno centro abitato, sviluppatosi a partire dal XIX secolo nella piana del Pecora intorno alla stazione ferroviaria, scalo del borgo di Scarlino, che invece sorge sulle propaggini del monte d'Alma.

La frazione è nota poiché nell'estate del 1849, Giuseppe Garibaldi, in fuga dalle guardie pontificie, vi si rifugiò ospite di Angiolo Guelfi a Palazzo Guelfi. Il 2 settembre, con l'aiuto di alcuni patrioti maremmani della zona, riuscì a raggiungere la spiaggia di Cala Martina oltre i boschi delle Bandite di Scarlino e si imbarcò su di un peschereccio alla volta di Porto Venere.

Monumenti e luoghi d'interesse Modifica

Palazzo Guelfi Scarlino Scalo.JPG

Palazzo Guelfi

Architetture religiose Modifica

  • Chiesa della Madonna delle Grazie, chiesa parrocchiale della frazione, è stata inaugurata e consacrata il 13 maggio 1984, con parrocchia già istituita nel 1976.[2]. La parrocchia della Madonna delle Grazie conta circa 1350 abitanti.[3]

Architetture civili Modifica

  • Palazzo Guelfi, imponente edificio ottocentesco che era di proprietà della famiglia Guelfi, è stato proclamato monumento nazionale italiano poiché è stato rifugio di Garibaldi nell'estate del 1849.
  • Le Case, piccola località situata a poco a sud del centro abitato.

Economia Modifica

Casone Scarlino.JPG

Lo stabilimento del Casone

In tempi recenti è stata realizzata a ovest del centro abitato, in località Casone, una grande area industriale, dove, tra i vari stabilimenti, si trovano quello dell'industria chimica della Nuova Solmine, che produce acido solforico, e della Huntsman Tioxide, che sintetizza biossido di titanio. Dal 1996 è in funzione, sempre presso l'area industriale del Casone, il Cogeneratore, impianto di produzione di energia elettrica ottenuto recuperando i vecchi forni di arrostimento della pirite. L'impianto era stato concepito per il recupero energetico da rifiuti industriali. Dal 1996 al 2003 ha bruciato CDR e biomasse. Dal 2003 ha bruciato biomasse; attualmente è entrato nell'interesse dell'amministrazione provinciale per lo smaltimento del CDR.

Infrastrutture e trasporti Modifica

Scarlino Scalo è servita da un'uscita della strada statale Aurelia e dalla stazione di Scarlino, scalo ferroviario dell'intero territorio comunale.

Galleria immagini Modifica

Note Modifica

  1. Censimento ISTAT, 2001.
  2. La parrocchia della Madonna delle Grazie sul sito della Diocesi di Grosseto.
  3. La parrocchia della Madonna delle Grazie sul sito della CEI.
  4. Scheda del Casello idraulico di Scarlino Scalo n. 00495080 sul sito della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le province di Siena e Grosseto.

Bibliografia Modifica

  • Aldo Mazzolai, Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura, Le Lettere Firenze, 1997.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso