FANDOM


Il Grifone d'oro è un premio annuale consegnato a Grosseto a tutte quelle personalità che hanno contribuito in maniera significativa allo sviluppo in ogni campo della città e della Maremma.

StoriaModifica

L'idea del premio nacque nel 1958, quando Ferdinando Innocenti contribuì alla costruzione del nuovo ospedale Misericordia con una grande somma di denaro e si pensò quindi di istituire un riconoscimento ufficiale in onore dei cittadini che si erano distinti a Grosseto.

La data per la consegna del premio fu fissata al 10 agosto, giorno in cui si festeggia il patrono della città, San Lorenzo. Il primo premio fu consegnato per la prima volta a Ferdinando Innocenti nel 1958; l'ultimo detentore, al momento, è Irio Tommasini (2015).

Il premioModifica

Il simbolo della statuetta è contraddistinto dalla figura del mitologico grifone rampante, stemma della città di Grosseto. Inizialmente commissionato a Tolomeo Faccendi, il bozzetto della piastra d'oro fu disegnato dalla scultrice Tilde Maria Valentini di Roma e realizzato negli stabilimenti artistici fiorentini.

La commissione per la selezione del vincitore è composta dal sindaco di Grosseto e dai consiglieri dell'associazione Pro Loco Grosseto, ed è presideduta dal presidente in carica dell'APT. La selezione viene effettuata tramite votazione: se entro il terzo ballottaggio non viene accordato un vincitore, il premio non è assegnato. Il premio si riferisce all'anno ultimato e viene quindi consegnato sempre l'anno successivo.

VincitoriModifica

Di sotto sono elencati tutti i vincitori del Grifone d'oro dal 1958 ad oggi.

Anni 1950Modifica

  • 1958: Ferdinando Innocenti
    «Per aver fatto munifica elargizione alla città di Grosseto della cospicua somma di 1,400 milioni, rendendo in tal modo possibile la realizzazione di un modernissimo ospedale, così necessario per la salvaguardia della salute dei cittadini di Grosseto e Provincia.» - ritirato nel 1966 dal figlio Luigi Innocenti
  • 1959: Carlo Cassola
    «Per aver illustrato in quadri di mirabile narrativa, apprezzati in Italia e all'estero, ambienti e personaggi della Maremma. Nelle pagine scritte da Cassola - si può dire - rimarrà nei secoli anche una immagine artistica della nostra terra e della nostra gente.»

Anni 1960Modifica

  • 1960: Corale "Giacomo Puccini"
    «Perché in una moltitudine di manifestazioni, compiute in varie città italiane e straniere, ha espresso musicalmente le qualità canore e corali di Grosseto e della Maremma, imponendosi nei confronti di altri gruppi, anche con tradizioni gia affermate.»
  • 1961: Ildebrando Imberciadori
    «Per la fama da lui acquisita in campo nazionale e per i meriti eccezionali conseguiti con gli studi compiuti sulla storia patria (Grosseto e provincia), nei suoi vari aspetti: economico, politico ecc.»
  • 1962: Piero Fanti
    «Per la fama da lui acquisita in campo nazionale ed internazionale e per i meriti eccezionali conseguiti nel settore dell'elettronica e delle comunicazioni spaziali.»
  • 1963: Organizzazione Reso
    «Per i meriti eccezionali con­seguiti nel propagandare positivamente, nelle diverse nazioni ove opera, le bellezze naturali della nostra provincia, incrementandone cos! in modo determinante il turismo.»
  • 1964: -
  • 1965: Monte dei Paschi di Siena
  • 1966: 4° Stormo
  • 1967: Tolomeo Faccendi
  • 1968: Eurovinil S.p.a.
  • 1969: Luciano Bianciardi

Anni 1970Modifica

Anni 1980Modifica

Anni 1990Modifica

Anni 2000Modifica

Anni 2010Modifica

Collegamenti esterniModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale