Fandom

Grossetopedia Wiki

Edo Cei

1 536pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi

Edo Cei (Livorno, 27 luglio 1935) è un artista grossetano.

Biografia Modifica

Nato a Livorno, visse la giovinezza tra Grosseto e Castel del Piano, borgo del Monte Amiata dove iniziò a disegnare le prime caricature e a lavorare come cartellonista. Diplomatosi all'istituto Rosmini di Grosseto, iniziò ad esporre le proprie opere dal 1957. Le sue opere esistenziali e quasi metafisiche hanno portato i critici a chiamare la sua arte Thought Art, ovvero "arte pensiero", costruita intorno ad un intreccio concettuale rappresentato in una dimensione apparentemente surreale, illogica e irrazionale.

È stato membro della Commissione consultiva della sala d'arte Paride Pascucci di Grosseto dal 1986 al 1988. Attualmente vive e lavora tra Grosseto e Castiglione della Pescaia.

Opere esposte Modifica

Presso la pinacoteca di Palazzo Nerucci, a Castel del Piano, sono esposte in una mostra permanente le opere giovanili di Edo Cei, che coprono un periodo di tempo dal 1952 al 1978: vi si trovano venti caricature di personaggi locali realizzate dal 1952 al 1958, sei manifesti e cartelloni pubblicitari per eventi cittadini, e inoltre sette bozzetti amiatini e otto dipinti tra i primi di argomento esistenziale-metafisico.

Bozzetti amiatini (1950-1960)
  • Castel del Piano. Le schiacce di Pasqua, 1952.
  • Castel del Piano. Dopo il concerto, 1954.
  • Castel del Piano. Lo spazzaneve, 1954.
  • Seggiano. Il primo juke box, 1954.
  • Arcidosso. Coriandoli bianchi, 1956.
  • Castel del Piano. La chiccaia, non datato.
  • Castel del Piano. Casella Bassa, Casella Alta, Casella Altissima, non datato.
Dipinti esistenziali e metafisici (1965-1978)
  • Prometeici, 1965, olio su tela, 70x100 cm.
  • Vecchio cinema all'aperto, 1966, olio su tela, 80x60 cm.
  • Invocazione perché ritorni albero, 1970, olio su tela, 100x70 cm.
  • I nuovi Golem, 1972, olio su tela, 100x70 cm.
  • Oblianti, 1972, olio su tela, 100x70 cm.
  • Macchina per misurare l'angoscia, 1975, olio su tela, 100x70 cm.
  • Finché... amore non vi separi, 1975, olio su tela, 100x70 cm.
  • Partire in un giorno di festa, 1978, olio su tela 80x60 cm.

Inoltre, presso la sala Friuli della chiesa di San Francesco a Grosseto è esposta l'opera Giochi nel vento: pizzicato, mentre il dipinto Portrait of tele-dependens si trova nel Sharjah Art Museum a Dubai.

Premi e riconoscimenti Modifica

  • 1° premio nazionale Punta Ala (1970)
  • Premio speciale Cauzioni Nazionale di Parma (1971)
  • Medaglia d'argento al premio internazionale Pavone d'Oro di Milano (1973)
  • Menzione speciale della giuria, premio internazionale Lario Cadorago di Como (1973)
  • Medaglia d'argento alla IX Biennale Nazionale “arte e sport” di Firenze (1977)
  • Premio Monterosa per la pittura di Grosseto (1979)
  • 3° premio assoluto internazionale Pavone d'Oro di Milano (1979)
  • Trofeo Master 1982 al Castello Estense di Ferrara (1982)
  • Medaglia d'oro al merito artistico all'Artexpo di New York (1982)
  • Premio Europa 1983 “Leone d'Oro” di Ferrara (1983)
  • Premio della Cultura 1984 di Salsomaggiore (1984)
  • Targa “San Giorgio” Internazionale Palazzo Barberini di Roma (1984)
  • Targa d'oro al Premio Italia 1985 di Calvatone (1985)
  • Premio Vita con menzione d'onore del Circolo culturale internazionale d'arte di Milano (1985)
  • Targa d'oro all'Euro Art Expo 1989 di Roma (1989)
  • Targa Europa alla carriera del Centro internazionale Arte Sever di Milano (1993)
  • Premio speciale della giuria alla Biennale d'Arte dell'Accademia Severiade di Milano (1999)
  • Premio Natalvita 2002 per la pittura del Centro internazionale d'arte di Milano (2002)

Mostre personali Modifica

Edo Cei ha esposto le proprie opere in più di sessanta mostre personali tra le città di Roma, Milano, Bologna, Grosseto, Firenze, Siena, Modena, Bari e Palermo. All'estero ha partecipato cinque volte all'Artexpo di New York e anche al Die Internationale Kunstmess di Basilea, al Tias di Tokyo ed al Salon des Nations di Parigi.

Filmografia Modifica

  • Edo Cei, una sosta sul segno (1983) di Augusto Denanni e Mario Fredianelli
  • Dall'immagine alla realtà: note sull'arte di Edo Cei (1987) di Mario Fredianelli
  • Relitti vaganti di idee (1990) di Mario Cappuccini

Bibliografia Modifica

  • Fiora Bonelli, Anna Mazzanti, Edo Cei. Opere giovanili 1952-1978, catalogo della raccolta d'arte di Palazzo Nerucci – Castel del Piano, Edizioni Effigi, Arcidosso, 2004.

Collegamenti esterni Modifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso