Fandom

Grossetopedia Wiki

Angelo Scola

1 536pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi

Angelo Scola (Malgrate, 7 novembre 1941) è un cardinale e attualmente arcivescovo di Milano. E' stato vescovo di Grosseto dal 1991 al 1995.

BiografiaModifica

Formazione e ordinazioneModifica

Angelo Scola nasce il 7 novembre 1941 a Malgrate (allora in provincia di Como) da Carlo, camionista, e Regina Colombo, casalinga. Partecipa all'Azione Cattolica e frequenta il liceo classico Alessandro Manzoni a Lecco. Nel 1958 incontra per la prima volta Don Giussani a Lecco, durante la Settimana Santa, in alcuni incontri di preparazione alla Pasqua, e rimane colpito dalla sua figura e dalla sua predicazione; diviene quindi presidente della Gioventù Studentesca locale.

Dopo due anni di ingegneria al Politecnico, studia filosofia all'Università Cattolica del Sacro Cuore, dove diviene grande amico di Luigi Giussani. Nel 1967 Scola consegue quindi il dottorato con una tesi sulla filosofia cristiana sotto la guida di Gustavo Bontadini. Tra il 1965 e il 1967 è anche presidente della FUCI di Milano, nominato dal cardinale Giovanni Colombo.

Prende quindi, da adulto, la decisione di diventare prete, entrando nel 1967 al seminario diocesano milanese: un anno a Saronno, poi a Venegono, infine a Teramo, dove viene ordinato presbitero il 18 luglio 1970 per la diocesi di Teramo dal vescovo di Teramo e Atri Abele Conigli, conosciuto quando questi era vescovo di Sansepolcro, diocesi nella quale si era formato il primo gruppo toscano di Comunione e Liberazione. Nel 1969 si reca a Friburgo, in Svizzera, per continuare gli studi, conseguendo il dottorato in teologia con una tesi sul tomista Melchior Cano. Partecipa attivamente al movimento Comunione e Liberazione e collabora alla fondazione della rivista internazionale Communio e dell'edizione italiana della stessa, entrando in contatto con Henri de Lubac e Hans Urs von Balthasar; con quest'ultimo realizza due libri intervista.

Carriera accademicaModifica

Dal 1972 al 1976 dirige l'ISTRA (Istituto per gli Studi per la Transizione) dove riunisce giovani ricercatori a confrontarsi su teologia, scienze umane e filosofia.

Nel 1976 partecipa al primo convegno ecclesiale organizzato dalla CEI su “Evangelizzazione e promozione umana”, e nel programma viene indicato come proveniente da Caserta.

Inizia l'insegnamento all'Università di Friburgo, dove diviene dapprima assistente ricercatore presso la cattedra di filosofia politica e successivamente professore assistente in Teologia morale; in seguito insegna alla Pontificia Università Lateranense (1982), dove tiene fra l'altro l'insegnamento di cristologia contemporanea nella facoltà di Teologia.

Collabora, in qualità di consultore, con la Congregazione per la Dottrina della Fede dal 1986 al 1991.

Vescovo di GrossetoModifica

Il 20 luglio 1991 viene nominato vescovo di Grosseto: riceve l'ordinazione episcopale dal cardinale Bernardin Gantin nella Patriarcale Basilica Liberiana il 21 settembre dello stesso anno.

Il motto episcopale del cardinal Angelo Scola è «Sufficit gratia tua» («Basta la Tua grazia»).

A Grosseto riapre il Seminario diocesano, fonda l'Istituto filosofico-teologico San Guglielmo di Malavalle e fonda la scuola media e il liceo diocesani.

Nel 1994 viene nominato membro della Congregazione per il Clero, e nel luglio 1995 rettore della Pontificia Università Lateranense e preside del "Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi sul matrimonio e la famiglia", incarichi per i quali nel settembre 1995 lascia la guida della diocesi di Grosseto. Viene succeduto da monsignor Giacomo Babini.

Dopo GrossetoModifica

Patriarca di VeneziaModifica

Il 5 gennaio 2002 viene insignito della carica di patriarca di Venezia, succedendo così sulla cattedra di San Marco al cardinale Marco Cé; riceve dalle mani del pontefice il pallio degli arcivescovi metropoliti il 29 giugno dello stesso anno.

Nel concistoro ordinario pubblico del 21 ottobre 2003 è creato e pubblicato cardinale di Santa Romana Chiesa del titolo dei Santi XII Apostoli.

Dal 9 aprile 2002 è presidente della Conferenza Episcopale Triveneta. Nel settembre 2003 istituisce il polo pedagogico accademico Studium Generale Marcianum, che viene solennemente inaugurato l'anno successivo dall'allora Segretario di Stato, il cardinale Angelo Sodano[4] durante la solennità di San Marco evangelista, patrono di Venezia; promuove la rivista "Oasis", pubblicazione semestrale del Centro Internazionale di Studi e Ricerche Oasis (Cisro). A partire dall'anno accademico 2003/2004 tiene un corso, articolato in cinque anni, agli studenti di Teologia e di Diritto Canonico sull'Essenza del cristianesimo, nel quale presenta una riflessione teologica/antropologica. Il 10 aprile 2005, nell'Assemblea ecclesiale diocesana celebrata nella patriarcale basilica cattedrale di San Marco Evangelista, dà ufficialmente il via alla sua prima visita pastorale nella diocesi con la lettera di indizione "Oggi devo fermarmi a casa tua" (Lc 19,5). È gran cancelliere della Facoltà Teologica del Triveneto, inaugurata a Padova il 31 marzo 2006. Dal 27 settembre 2009 al 7 febbraio 2010 ricopre anche l'ufficio di amministratore apostolico di Treviso.

Il 6 marzo 2010, in occasione della visita pastorale, ha assistito pontificalmente alla Santa Messa nella forma extraordinaria del Rito Romano (messa tridentina pre-conciliare) celebrata da Padre Konrad zu Löwenstein, della Fraternità Sacerdotale San Pietro, presso la chiesa di San Simon Piccolo in Venezia. Nell'agosto 2010, durante la sua lectio al meeting di Rimini di Comunione e Liberazione, ha sostenuto come la testimonianza si manifesti nell'osservanza religiosa. Ciò in polemica con i "moralisti", i più insidiosi tra i peccatori in quanto abuserebbero del richiamo a comportamenti esemplari. Gad Lerner ha ravvisato in tale prolusione una giustificazione dell'indulgenza verso il degrado dei comportamenti dei politici al potere. Nella stessa occasione, Scola ha elogiato Renato Farina: "sono pochi i giornalisti bravi come lui".

Nel novembre 2010 ha rivolto ai fedeli del patriarcato la sua prima lettera pastorale per "condividere" con loro "la gioia suscitata dall'annuncio della visita" che papa Benedetto XVI ha compiuto ad Aquileia e a Venezia sabato 7 e domenica 8 maggio 2011.

Arcivescovo di MilanoModifica

Il 28 giugno 2011 Benedetto XVI lo nomina arcivescovo di Milano a seguito della rinuncia per raggiunti limiti di età del cardinale Dionigi Tettamanzi.

Il 7 settembre si congeda dal patriarcato di Venezia e il 9 settembre, per mezzo del vicario generale Carlo Roberto Maria Redaelli, prende possesso dell'arcidiocesi di Milano.

Il 21 settembre riceve il pallio da Benedetto XVI nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo.

Il 25 settembre fa il suo ingresso ufficiale nell'arcidiocesi di Milano. Nel suo saluto alle autorità e ai milanesi, lancia il suo invito: "Milano, metropoli illuminata, operosa ed ospitale: non perdere di vista Dio"; augura quindi alla Chiesa milanese di essere "capace di incontrare l'uomo alla radice del suo bisogno".

Produzione letterariaModifica

La bibliografia del cardinale Scola consiste in più di 120 contributi scientifici in opere collettive e in riviste teologiche e filosofiche internazionali.

Nel periodo d'insegnamento svolge un'intensa attività di ricerca, che lo porta a scrivere Avvenimento e tradizione. Questioni di ecclesiologia e Questioni di antropologia teologica. Alla sessualità umana e alle questioni legate al matrimonio e alla famiglia dedica "Il mistero nuziale", vol. 1. Uomo-donna, vol. 2. Matrimonio-famiglia. Nel 2003 è insignito del "Premio Capri" per il libro "Uomo-Donna. Il caso serio dell'amore".

Sempre nel 2003, in occasione del XXV anniversario dell'elezione al soglio di Pietro di Giovanni Paolo II, dedica al Pontefice il libro "L'esperienza elementare. La vena profonda del magistero di Giovanni Paolo II". Tra le opere da lui redatte ultimamente si distinguono "Un pensiero sorgivo. Sugli scritti di Luigi Giussani" (2004) e "Chi è la Chiesa? Una chiave antropologica e sacramentale per l'ecclesiologia" (2005). Del 2006 sono invece gli scritti "Stupore eucaristico. Conversazioni dal Sinodo" dove sono raccolti in forma d'intervista pensieri e riflessioni sull'esperienza da Relatore generale al Sinodo dei vescovi dell'ottobre 2005, "Deus caritas est", un'attenta e approfondita analisi sulla prima lettera enciclica di Benedetto XVI.

IncarichiModifica

  • Membro della Congregazione per il Clero (dal 1994)
  • Membro della Commissione Episcopale per l'Educazione Cattolica, la Scuola e l'Università della Conferenza Episcopale Italiana (dal 1995)
  • Presidente del Comitato per gli Istituti di Scienze Religiose (dal 1996)
  • Membro del Pontificio Consiglio della Pastorale per gli Operatori Sanitari (1996-2001)
  • Consultore del Pontificio Consiglio per la Famiglia (1996)
  • Presidente della Conferenza Episcopale Triveneta (dal 2002)
  • Membro del Comitato di Presidenza del Pontificio Consiglio per la Famiglia (dal 2002)
  • Membro del Comitato di Presidenza del Pontificio Consiglio per i Laici (2004)
  • Membro della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti (dal 2005)
  • Membro della Prefettura per gli Affari economici della Santa Sede (dal 2005)
  • Il 18 marzo 2005 è nominato da Giovanni Paolo II e confermato dal successore Benedetto XVI Relatore generale per la XI Assemblea Generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi, sul tema "L'Eucaristia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa", che si tiene in Vaticano dal 2 al 23 ottobre 2005.
  • Membro del Consiglio post-sinodale della segreteria generale del Sinodo dei Vescovi
  • Membro per Pontificio Consiglio per la Cultura (dal 17 gennaio 2009)
  • Membro del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione (dal 2011)

Genealogia episcopaleModifica

  • Cardinale Scipione Rebiba
  • Cardinale Giulio Antonio Santorio
  • Cardinale Girolamo Bernerio O.P.
  • Arcivescovo Galeazzo Sanvitale
  • Cardinale Ludovico Ludovisi
  • Cardinale Luigi Caetani
  • Cardinale Ulderico Carpegna
  • Cardinale Paluzzo Paluzzi Altieri Degli Albertoni
  • Papa Benedetto XIII O.P.
  • Papa Benedetto XIV
  • Papa Clemente XIII
  • Cardinale Marcantonio Colonna
  • Cardinale Hyacinthe-Sigismond Gerdil B.
  • Cardinale Giulio Maria della Somaglia
  • Cardinale Carlo Odescalchi S.J.
  • Cardinale Costantino Patrizi Naro
  • Cardinale Lucido Maria Parocchi
  • Papa Pio X
  • Papa Benedetto XV
  • Papa Pio XII
  • Cardinale Eugène-Gabriel-Gervais-Laurent Tisserant
  • Cardinale Bernardin Gantin
  • Cardinale Angelo Scola

Voci correlateModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso